Nvidia, dopo il rilascio delle ultime versioni driver per schede grafiche, ha ricevuto molte critiche dall’utenza riguardanti l’inserimento di correzioni per il bug Spectre. In molti considerano questo update come l’ammissione, da parte della società, che il loro hardware è affetto dagli stessi problemi delle architetture CPU Intel.

Questo annuncio ha fatto crollare improvvisamente il prezzo delle azioni Nvidia, sebbene la società si sia ripresa dopo gli annunci rivelati durante il CES di Las Vegas. Durante la conferenza, Jensen Huang, ha infatti affermato che le schede grafiche Nvidia GeForce GTX non sono influenzate dal bug Spectre.
Nvidia GeForce GTX 1060 memoria 5 GB VRAMIn realtà Nvidia ha aggiornato i propri driver per limare i problemi che potrebbero sorgere quando il software delle GPU interagisce con le CPU vulnerabili. Gli aggiornamenti vanno infatti a modificare il software Geforce Experience di Nvidia.
Questo software richiede una registrazione con indirizzo email e password, il che potrebbe portare ad un potenziale problema di sicurezza per Nvidia, rendendo quindi necessaria una patch.
Di seguito il virgolettato di Jensen Huang sulla questione:

“Le nostre GPU sono immuni dal bug Spectre e non sono interessate dagli ultimi problemi di sicurezza. 

Quello che abbiamo fatto è stato il rilascio degli aggiornamenti dei driver per correggere la vulnerabilità della sicurezza della CPU. Stiamo rattoppando la vulnerabilità della CPU nello stesso modo in cui Amazon e Microsoft hanno rilasciato delle patch per i loro prodotti. Sono assolutamente certo che la nostra GPU [gamma di prodotti] non sia influenzata.”

Nvidia GeForce GTX non sono vulnerabili bug Spectre

Nvidia ha dunque solamente preso le dovute precauzioni di sicurezza raccomandate contro Spectre, non perché il loro hardware sia vulnerabile, ma perché le CPU con cui si interfacciano lo sono.

Rimane il fatto che alcuni dei SoC basati su ARM di Nvidia, sono vulnerabili a Spectre e Meltdown, sebbene questi SoC non facciano parte dell’attività principale di Nvidia. Le patch verranno rilasciate per affrontare questi problemi in futuro.