Spendere più di 1000€ per il Samsung Galaxy Note 9 acquistandolo ora, o sopportare l’attesa fino al prossimo anno per ricevere le vere novità in campo tecnologico?

Questa è la decisione che alcuni di voi dovranno intraprendere dopo la presentazione del nuovo Samsung Note 9 lo scorso giovedì.
Per essere onesti, questa è una domanda che tutti potrebbero chiedersi, ma per i fan della gamma Note, potrebbe rivelarsi un vero dilemma. Secondo Suzanne De Silva, portavoce di Samsung: “i clienti del Note cercano il meglio del meglio quando si tratta di tecnologia”.

Ma cosa succede se il migliore in questo momento impallidisce rispetto alla moltitudine di migliorie che vedremo il prossimo anno?

Samsung Galaxy Note 9 meglio non comprarlo

L’atteso sensore di impronte digitali incorporato nel display è ampiamente previsto nel Galaxy S10, e presumibilmente anche nel Note 10. Potremmo anche vedere finalmente il telefono pieghevole Samsung, tanto pubblicizzato in alcuni eventi.
Ma il progresso più importante, tuttavia, arriverà dalla capacità di attingere alle reti 5G, che alcune compagnie telefoniche (Tim e Vodafone) sono impegnate a realizzare in questi anni. La tecnologia wireless di prossima generazione è pronta a stimolare una rivoluzione mobile con maggiore velocità e reattività.
Ricordiamo che i tipici consumatori di smartphone, anche i fan irriducibili, conservano i propri telefoni almeno per due anni. Quindi chiunque investe una somma significativa per acquistare un Note 9, lo fa sapendo di perdere la rivoluzione tecnologica del 5G per una o due generazioni.

Ad avvalorare le perplessità di alcuni utenti vi sono anche i pochi upgrade che il Samsung Note 9 integra in quest’ultima versione. Tra le migliorie degne di nota del nuovo top di gamma Samsung troviamo: una batteria con il 21% di capacità in più e una fotocamera che riconosce e ottimizza diversi scenari e inquadrature. Inoltre abbiamo l’integrazione del Bluetooth nel pennino, che consente di utilizzarlo anche a grande distanza. Tranne per quest’ultima caratteristica, molte delle altre principali feature sono già presenti nel meno costoso Samsung Galaxy S9 o Galaxy S9 Plus.

Samsung non considera questo un problema per i fan più fedeli di Note.
“Gli utenti più affezionati alla gamma Note aggiornano lo smartphone ogni anno”, ha dichiarato Drew Blackard, senior director marketing di Samsung, a margine dell’evento di lancio di giovedì.

Ma se pensate di mantenere il telefono per qualche anno in più, cosa farete?

Diamo inizio alla nuova era del 5G

I consumatori esperti di tecnologia – e la maggior parte degli utenti Note – avranno inevitabilmente sentito parlare delle reti 5G. Non avete familiarità con il termine? Non preoccupatevi, gli operatori faranno esplodere questa tecnologia nel 2019 quando alcune delle reti saranno online.

Samsung nuova era del 5G

Tim, Fastweb e Vodafone prevedono una copertura 5G all’80% nelle principali città italiane entro il 2019, mentre nel 2022 tutto il paese sarà coperto dalla nuova rete 5G.

Ma di quale salto generazionale stiamo parlando? Vari tecnici ed esperti di mercato hanno affermato che un modem 5G potrebbe ottenere una velocità di 5 gigabit al secondo, ben lontana dalle attuali connessioni medie da 20 megabit.
I primi telefoni con 5G debutteranno il prossimo anno nel secondo trimestre, secondo il presidente di Qualcomm Cristiano Amon.

“Dal punto di vista dell’utente con la nuova tecnologia 5G, anche quando ci si trova ai margini della rete in condizioni di segnale molto povero, il download dei film e il caricamento di foto ad alta definizione avverrà senza interruzioni”.

Giustificare l’acquisto ora

Tuttavia, l’analista IHS Wayne Lam ha riferito che c’è qualcosa da dire per giustificare l’immediato acquisto di un Note 9.

“Il Nota 9 serve principalmente a mantenere la base clienti di Note felice fino a quando le previste modifiche al progetto del device arriveranno nel 2019, insieme a nuove tecnologie come i display pieghevoli”.

Samsung smartphone pieghevole

Inoltre non è chiaro quanti benefici otterremo dai progressi tecnologici a breve termine. Ad esempio: le reti 5G non saranno onnipresenti e, a seconda del vostro operatore e del luogo di residenza, potrebbero non essere nemmeno disponibili nel 2019. Sebbene non supporti il ​​5G, il Galaxy Note 9 viene fornito con lo stesso modem avanzato presente nel Galaxy S9, il che significa che è ottimizzato per le reti LTE Advanced. Ad esempio, sia il GS9 che il Note 9 sono sintonizzati per funzionare sullo spettro 600 megahertz, una nuova banda di onde radio che promette una copertura migliore in tutta la nazione.

Per quanto riguarda gli altri upgrade: incorporare il sensore di impronte digitali sotto il display è una bella funzionalità, ma non è un enorme passo avanti rispetto all’opzione di sbloccare il telefono con il lettore sul retro. Il telefono pieghevole potrebbe essere solo un espediente con poco valore pratico nel breve periodo.

Terminiamo con le parole di Drew Blackard, senior director marketing di Samsung, che afferma:

“Alcuni utenti sono guidati dal gusto di una tecnologia all’avanguardia, altri aspetteranno di vedere se la tecnologia è realmente pronta. Il Note 9 è rivolto alla prima fascia di utenza”.