Se state leggendo questo articolo probabilmente vi sarà capitato, mentre stavate lavorando o giocando al PC, di ricevere il messaggio di errore: “il computer ha riscontrato un problema e deve essere riavviato”. Non allarmatevi, analizzeremo di seguito i motivi che hanno portato alla comparsa di questo errore e alla relativa schermata blu, consigliandovi varie soluzioni per ogni specifico problema.

Le cause più gravi e comuni che portano al blocco di Windows 10 si verificano quando si eliminano accidentalmente alcuni file di registro dalla cartella System 32 o un driver smette di funzionare perché danneggiato. Inoltre questo messaggio compare anche quando la RAM in Windows 10 è in esecuzione ad una percentuale superiore a quella accettata dal sistema operativo.
Vediamo le principali soluzioni a questo problema:

Errore Windows 10: Avvio in modalità provvisoria

Avviare il PC in modalità provvisoria

La prima cosa che dovreste fare è riavviare Windows in modalità provvisoria per appurare se il messaggio di riavvio è causato da un driver non funzionante. Infatti, entrando in modalità provvisoria, Windows 10 non caricherà alcun driver installato nel PC, quindi se il sistema funziona correttamente possiamo escludere altri problemi e concentrataci sul driver difettoso.

Spesso basterà disinstallare e reinstallare i driver della scheda video o di rete, mentre in altri casi il problema può interessare i driver di qualche periferica USB (mouse/tastiera). Se non sapete come entrare in modalità provvisoria, vi basterà seguire questa guida dettagliata.

Errore Windows 10: Eseguire il controllo file di sistema (SFC)

In alcuni casi, il danneggiarsi di un file di sistema può causare il messaggio di errore: “il computer ha riscontrato un problema e deve essere riavviato” e molti altri problemi. Per risolvere la questione è consigliabile eseguire una scansione SFC e DISM. Per farlo, procedete come segue:

  • Nella barra di ricerca di Windows digitiamo Prompt dei comandi (apriamolo come Admin).
  • Quando viene aperto il prompt dei comandi digitare il comando sfc / scannow.
  • La scansione SFC inizierà e terminerà in circa 15/20 minuti, quindi non interferite con questo processo.

Catalyst Control Center non si apre in Windows 10 SFC scan

Al termine della scansione, controllate se il problema persiste. Se non è possibile eseguire la scansione SFC o il problema non viene risolto, è consigliabile eseguire una scansione DISM.

Avviate nuovamente il prompt dei comandi come amministratore ed eseguire il comando DISM / Online / Cleanup-Image / RestoreHealth. La scansione può richiedere circa 20 minuti, quindi siate pazienti.

Errore Windows 10: Eseguire un ripristino del sistema

Se si verifica un problema al PC, possiamo riportare il sistema al momento in cui tale errore non era presente, il tutto tramite le opzioni di un Ripristino configurazione di sistema. Questo strumento consente di ripristinare il PC in uno stato precedente al problema e risolvere vari errori nei driver o in file di sistema eliminati.

Abbiamo già affrontato questa soluzione in una guida dedicata che vi spiegherà dettagliatamente come procedere per ripristinare un PC Windows.

Errore Windows 10: Aggiornare driver dispositivo

aggiornare driver con Driver Booster

In alcuni casi, il messaggio di errore e riavvio del sistema compare quando uno dei driver installati nel PC smette di funzionare. Bisognerà quindi trovare e aggiornare i driver problematici. Per farlo, visitate il sito Web del produttore e scaricate i driver più recenti per il vostro dispositivo.

Se non conoscete quali componenti sono presenti nel PC, vi consigliamo di utilizzare il software gratuito Driver Booster 4 per Windows. Questa app supporta centinaia di migliaia di dispositivi e driver, eseguendo una scansione del PC ed evidenziando i driver obsoleti o danneggiati. Successivamente, è possibile premere un pulsante Aggiorna per installare i driver più recenti.

Selezionare l’opzione Ripristino all’avvio

Questa è una soluzione da applicare se non è possibile accedere a Windows 10 quando avviate il PC. Quando ciò accade, si apre automaticamente una schermata di ripristino da cui è possibile selezionare l’opzione di Ripristino all’avvio, per avviare la procedura guidata.

In alternativa, se possedete un disco di ripristino del sistema operativo, potete inserirlo nel lettore DVD per ripristinare il PC. Quest’ultima opzione è più macchinosa ma comunque alla portata di tutti, vediamo come procedere:

  • Inserite il disco di ripristino mentre accendete il PC, vedrete la schermata di installazione di Windows, cliccate su avanti fino a selezionare l’opzione Ripristina il tuo computer.
  • Premete il pulsante Risoluzione dei problemi > Opzioni avanzate e selezionate l’opzione Ripristino all’avvio.
  • Quindi, selezionate il sistema operativo e l’unità di archiviazione da correggere.
  • Windows avvierà la riparazione riavviandosi più volte fino al termine della procedura.