Le tanto attese GeForce RTX 2080 e RTX 2080 Ti sono finalmente arrivate, Nvidia ha finalmente commercializzato le sue GPU Turing con RT e tensor core dedicati, per rivoluzionare il futuro del gaming sfruttando la tecnologia ray tracing. La GeForce RTX 2080 Ti è la scheda grafica più veloce di sempre, ma in queste settimane abbiamo sentito molte persone chiedersi: dovrei comprare una GeForce RTX 2080 o una GeForce GTX 1080 Ti?

Le nuove schede grafiche RTX di Nvidia costano molto più della precedente serie. Ma i prezzi delle GeForce GTX 1080 Ti, il fiore all’occhiello della precedente generazione, hanno iniziato a calare lentamente nelle ultime settimane. Come si confrontano le due generazioni? Quale scheda grafica Nvidia dovreste comprare? Scopriamolo: GeForce RTX 2080 vs GTX 1080 Ti.

RTX 2080 vs GTX 1080 Ti
RTX 2080 vs GTX 1080 Ti, piccola rivoluzione anche nel design.

RTX 2080 vs GTX 1080 Ti: Prezzo

Nvidia afferma che la GeForce RTX 2080 ha un prezzo che parte da 869€ se acquistata dal sito Nvidia, mentre le schede overclockate e personalizzate dai partner Nvidia come EVGA e Asus al momento constano molto di più. Ci sono alcune eccezioni però. La Gigabyte GeForce RTX 2080 Windforce e EVGA RTX 2080 XC Gaming al momento vengono vendute allo stesso prezzo della Nvidia Founders Edition, con raffreddamento personalizzato migliore rispetto a quello stock. Le schede più costose includono soluzioni di raffreddamento più potenti con funzionalità extra, come l’illuminazione RGB.

La GeForce GTX 1080 Ti è stata lanciata a poco più di 800€ nel maggio 2017. Dopo un anno selvaggio di inflazione da criptovaluta, questo è ancora l’attuale prezzo della periferica. A volte troverete offerte succose che abbassano i costi anche di un centinaio di euro, il che porta in primo piano un punto chiave: in questo momento di vita della GTX 1080 Ti le schede tra poco saranno disponibili a 700€, con ottimi sistemi di raffreddamento e ventole che possono gestire bene l’overclock. In conclusione: spenderete almeno 150€ in meno per una GTX 1080 Ti, per ottenere una scheda video con un maggior rapporto prezzo/prestazioni.

RTX 2080 vs GTX 1080 Ti: Prestazioni

La GeForce RTX 2080 non guadagna molti consensi in rapporto prezzo/prestazioni nei giochi tradizionali. La GeForce RTX 2080 e la GTX 1080 Ti sono state progettate per il 4K. Il grafico seguente mostra come le prestazioni delle due periferiche siano simili a risoluzione 4K, con le impostazioni grafiche impostate su Alto. I risultati provengono da due schede grafiche overclockate, la Nvidia RTX 2080 Founders Edition e la PNY GTX 1080 TI XLR8. (Potete ignorare le barre verdi, che rappresentano le prestazioni della GeForce RTX 2080 Ti Founders)

RTX 2080 vs GTX 1080 Ti benchmark

Come vedete si tratta di un pareggio, anche se è incoraggiante vedere entrambe le periferiche superare la barriera dei 60-fps in tutti i giochi. Nei giochi tradizionali, queste due schede grafiche hanno prestazioni pressoché identiche.

Troviamo alcune eccezioni, anche se si tratta di un fattore di nicchia, se giochiamo su display HDR 4K, dove otteniamo vantaggi con la recente RTX. Quindi i giochi con HDR abilitato vengono elaborati meglio dalla 2080 rispetto alla 1080 Ti: “L’architettura Turing migliora le prestazioni e la latenza di input High Dynamic Range (HDR) mediante compositing basato sull’hardware, tone mapping e filtro chroma”.

RTX 2080 vs GTX 1080 Ti: Ray tracing e DLSS

Ecco dove la GeForce RTX 2080 fa il suo miglior passo in avanti. Nvidia ha creato le schede grafiche Turing e GeForce RTX serie 20 con core RT e tensor core dedicati per consentire loro di eseguire il ray-tracing in tempo reale. La GTX 1080 Ti semplicemente non integra questo nuovo hardware dedicato.

In poche parole, il ray-tracing in tempo reale imita il comportamento dei raggi di luce della vita reale, con conseguente illuminazione, ombre, riflessi e colori più realistici. Le tecniche di ombreggiamento tradizionali imitano solamente questi effetti, mentre l’Nvidia RTX è una soluzione di rendering ibrida, che genera la maggior parte di una scena tramite rasterizzazione, quindi la rifinisce con il ray tracing. I risultati possono essere visivamente sorprendenti, come avete sicuramente già visto nei filmati dimostrativi.

La demo mostrata da Nvidia su Star Wars, testata sia con la GeForce RTX 2080 e Ti, è stata eseguita a 24 fotogrammi al secondo in risoluzione 1440p e 4K. La GTX 1080 Ti ha prodotto risultati pessimi, raggiungendo dai 7 ai 12 fotogrammi al secondo in 1440 p, con rumore di fondo pronunciato e bordi frastagliati sugli oggetti. Se volete attivare il ray tracing, bisognerà munirsi di una scheda GeForce RTX.

Il Deep Learning Super Sampling (DLSS) sfrutta la potenza del supercomputer Saturn V di Nvidia utilizzando l’intelligenza artificiale per uniformare la grafica di gioco, offrendo immagini identiche a quelle che otterreste con l’anti-aliasing temporale tradizionale (TAA), ma con prestazioni molto inferiori. Nvidia ha inviato ai recensori il benchmark di Final Fantasy XV da testare. Il test è risultato circe 39 volte più velocemente con DLSS abilitato al posto del TAA su entrambe le periferiche RTX 2080 e 2080 Ti, senza perdita di fedeltà visiva.

Questo risultato è impressionante, se il DLSS diventerà una tecnologia popolare tra gli sviluppatori, porrà definitivamente fine alle discussioni sulle prestazioni dell’RTX 2080 con la GTX 1080 Ti. 25 nuovi giochi introdurranno (tramite patch) il supporto al Deep Learning Super Sampling. Qui trovate un elenco di tutti i giochi che supportano ray tracing o DLSS:

  • Ark: Survival Evolved
  • Atomic
  • Dauntless
  • Final Fantasy XV
  • Fractured Lands
  • Hitman 2
  • Islands of Nyne
  • Justice
  • JX3
  • Mechwarrior 5: Mercenaries
  • PlayerUnknown’s Battlegrounds
  • Remnant: From the Ashes
  • Serious Sam 4: Planet Badass
  • Shadow of the Tomb Raider
  • The Forge Arena
  • We Happy Few
  • Darksiders III
  • Deliver Us The Moon: Fortuna
  • Fear the Wolves
  • Hellblade: Senua’s Sacrifice
  • KINETIK
  • Outpost Zero
  • Overkill’s The Walking Dead
  • SCUM
  • Stormdivers

La GTX 1080 Ti non può utilizzare il DLSS, ma dopo pochi giorni dal lancio, anche la GeForce RTX 2080 non può sfruttare questa tecnologia. Infatti i titoli con ray tracing o DLSS non sono ancora disponibili o non supportano queste tecnologie. Nvidia si aspetta dagli sviluppatori l’implementazione delle due feature dopo circa un mese dal lancio di RTX, presumibilmente con l’aggiornamento di Windows 10 ottobre 2018 che aggiunge l’API di DirectX Raytracing.

Prestazioni NVIDIA GeForce RTX 2080 Ti

RTX 2080 vs GTX 1080 Ti: quale scheda grafica dovreste acquistare?

Se state cercando di spendere meno di 800€ per una scheda video in grado di giocare a 4K a 60 frame al secondo, o a frequenze di 144Hz in risoluzione di 1440p, la nostra raccomandazione è di pazientare. Sia la GeForce RTX 2080 che la GTX 1080 Ti sono disponibili e l’attesa è l’aspetto più difficile, ma fino a quando non verrà testato il ray tracing e il DLSS nei giochi reali, non abbiamo idea se valga la pena l’acquisto di una RTX 2080. Basandoci su ciò che possiamo testare oggi, GeForce RTX 2080 e GTX 1080 Ti funzionano allo stesso modo nei giochi tradizionali, ma la GeForce RTX 2080 costa circa 100€ in più. Attualmente la GeForce GTX 1080 Ti è chiaramente l’opzione migliore, soprattutto se trovate una buona offerta che possa abbassare ulteriormente il prezzo.

Ma l’interesse degli sviluppatori per il ray-tracing e le tecnologie DLSS ancora non disponibili sembra elevato. Ogni sviluppatore intervistato dalla stampa sembra entusiasta del ray-tracing, anche in forma di rendering ibrido, e ben 25 giochi sono già in fila per supportare il DLSS. Se, come noi, credete che questa tecnologia diventerà comune, potrebbe valere la pena investire un extra per una GeForce RTX 2080, soprattutto se utilizzate una scheda video per quattro o cinque anni.