La serie Geforce RTX 20 di Nvidia è stata la prima ad integrare il supporto Ray Tracing nelle schede grafiche da gaming. Questo espediente ha segnato un percorso chiaro per il futuro della grafica in gaming. 

Il prossimo anno verranno rilasciate le nuove console di Sony e Microsoft. Entrambe saranno dotate di tecnologia raytracing con accelerazione hardware. Nell’invito agli utili del terzo trimestre 2020 di Nvidia, l’amministratore delegato dell’azienda, Jensen Huang, ha affermato che questa aggiunta è stata una reazione all’esperienza Geforce RTX che gli utenti hanno provato su PC, affermando che “le console di nuova generazione hanno dovuto mantenere il passo e includere il ray tracing”. Questa affermazione suggerisce che il ray tracing in tempo reale non era inizialmente un obiettivo per entrambe le console di prossima generazione, con il rilascio dell’architettura Turing di Nvidia che fungeva da punto di svolta per l’industria. 

Con entrambe le console di nuova generazione che supportano l’hardware raytracing, è chiaro che questa tecnologia sarà il futuro della grafica. Huang ha anche definito la serie Geforce RTX un “home run”, in seguito affermando che “ci sono diverse centinaia di milioni di giocatori PC al mondo che non possono utilizzare l’RTX e vorrebbero aggiornare il proprio hardware per testarla”. Ciò dimostra la fiducia che Huang ha nel futuro del ray tracing. 

Jensen Huang Ray Tracing su console e PC
Ray Tracing su console


Jensen Huang non può sapere come si presenterà la roadmap delle GPU di AMD, speculando come ciò abbia influito sullo sviluppo delle console di prossima generazione Sony e Microsoft. Dato lo sviluppo da parte di Microsoft delle sue API DXR per DirectX 12, è probabile che la divisione console Xbox stesse prendendo in considerazione l’hardware raytracing prima del rilascio dell’hardware RTX di Nvidia.    

I commenti di Huang implicano anche che AMD è riuscita a creare la tecnologia di accelerazione raytracing in un arco di tempo incredibilmente breve, il che è improbabile. Probabilmente Microsoft ha collaborato con AMD sin dai primi giorni dell’arrivo delle API DXR DirectX 12, per fornire infine l’accelerazione ray tracing basata su hardware grafico Radeon. Ciò significherebbe che AMD ha probabilmente lavorato all’RTX da prima del lancio fatto da Nvidia nel 2018

Fonte