La maggior parte dell’utenza che passa svariate ora al PC, è a conoscenza dei problemi che può causare l’esposizione alla luce blu derivata da alcuni monitor.

Infatti la luce blu può sopprimere la produzione di melatonina, impedendo al nostro corpo di rilassarsi correttamente prima di coricarsi e rendere più difficile il sonno. Se lavorate spesso di notte o semplicemente vi piace leggere su schermo prima di andare a dormire, questo fattore può influenzare negativamente il vostro sonno.

Negli ultimi anni molti fornitori di software hanno contribuito a risolvere questo problema, limitato maggiormente dalla presenza in commercio di monitor che eliminano la luce blu. I principali sistemi operativi hanno iniziato ad integrare opzioni per filtrare la luce blu, incluso Windows 10, macOS, Apple iOS e Android.

modalità notturna luce blu monitor

Anche se l’impressione iniziale dell’effetto dato dalla tonalità gialla potrebbe infastidirci, i vostri occhi si adatteranno rapidamente al cambiamento. Infatti, dopo qualche minuto, non vorrete tornare ai colori naturali durante la notte, poiché la differenza nell’affaticamento degli occhi sarà significativa.

In questa guida forniremo brevi spiegazioni su come integrare il filtro a luce blu su questi sistemi operativi, consigliandovi anche l’utilizzo di un software di terze parti.

Attivare la modalità notturna con F.lux

modalità notturna F.lux luce blu monitor

F.lux è l’azienda che per prima ha fornito rimedi contro la luce blu dei monitor, rendendo disponibile il loro software sui diverse piattaforme (scarica qui gratuitamente). f.lux rileva la posizione geografica dell’utente per abbinare il ciclo solare nella propria area, regolando gradualmente il colore del display da 6500 K (luce diurna) a colori più caldi con meno luce blu quando si avvicina la notte.

È inoltre possibile modificare manualmente la temperatura del display scegliendo tra otto diversi colori.

Queste opzioni possono essere ulteriormente modificate usando l’impostazione “Effetti e colori extra“. Qui troviamo effetti come “Modalità Darkroom” che rende lo sfondo nero e il testo di colore rosso, “Emerald City” che applica una tinta verde allo schermo e “Soft White” che rende la tonalità della luce diurna meno faticosa.

Da notare che F.lux può essere abilitato / disabilitato con i tasti di scelta rapida ed è possibile configurarlo in modo che si disabiliti automaticamente quando si avviano applicazioni specifiche (ad esempio Photoshop o qualsiasi programma in cui è richiesta una buona precisione del colore).

Se preferite non installare alcun software aggiuntivo …

modalità notturna Windows 10 luce blu monitor

Tutti coloro che hanno aggiornato il proprio sistema operativo Windows 10 al Creators Update, possono abilitare la funzione “Luce notturna” che si trova in Impostazioni -> Sistema -> Schermo. Questa feature applicherà automaticamente un filtro giallastro allo schermo quando il sole tramonta, per poi tornare normale al sorgere del sole.

Naturalmente possiamo impostare le ore in cui attivare il filtro e modificare la tonalità di quest’ultimo.

modalità notturna MacOS luce blu monitor

Gli utenti MacOS con sistema Sierra 10.12.4 in poi hanno un’opzione chiamata “Night Shift” che può essere trovata navigando in Preferenze di Sistema -> Display -> Night Shift  e fornisce lo stesso livello di funzionalità già descritto per Windows 10.

Night Shift è disponibile anche su determinati dispositivi iOS (iPhone 5s in poi, iPod Touch 6G, iPad Air e versioni più recenti, iPad Mini 2 e versioni successive e iPad Pro), l’attivazione è semplice, basta spostarsi in Impostazioni -> Display e luminosità -> Night Shift.

Android N (o superiore) fornisce una funzione “Night Light(Il nome effettivo potrebbe variare a seconda del produttore del  telefono), andiamo sul menu Notifiche -> icona Ingranaggio -> Visualizza -> Luce notturna.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here