Abbiamo già visto come migliorare le prestazioni di un notebook aggiornando la memoria RAM, ma l’upgrade che migliorerà nettamente le prestazioni di un portatile è sicuramente dato dall’aggiunta di un SSD.

Si tratta di un aggiornamento particolarmente interessante per i laptop economici, che in genere hanno un disco rigido. Questo è il caso del famoso Acer Aspire E 15, portatile che useremo per questa guida.

Questo laptop è stato uno dei più venduti su Amazon per mesi. È facile capire il motivo: per circa 400€ otteniamo un processore Core i3 di sesta generazione, 4GB di RAM DDR4, un disco rigido da 500 Gb e uno schermo 1080p da 15 pollici. Per quanto riguarda la sostituzione di un HDD con un SSD, la buona notizia è che quasi tutti i portatili disponibili sul mercato offrono un percorso facilitato per raggiungere il vano HDD e quindi procedere alla sostituzione.

Sull’Aspire E 15 ci sono due percorsi praticabili: tramite uno slot M.2 per inserire un’unità sottile o sostituendo il disco rigido con un SSD SATA. In questa guida vedremo entrambi i metodi, iniziando con l’aggiunta di un SSD M.2 al nostro laptop.

Un avvertimento: Siamo sicuri che il vostro notebook beneficerà di un aggiornamento con SSD, ma potrebbe non essere effettivamente possibile con il vostro particolare modello. Vi consigliamo di cercare sul sito del produttore o su qualche forum, se è possibile aprire il vano posteriore per modificare questi componenti.

Come scegliere un SSD M.2: SATA vs PCIe

installare SSD sul Notebook SSD M.2

Prima di acquistare un’unità M.2, dovete sapere che non tutti gli SSD M.2 sono uguali. In realtà, variano così tanto che è possibile che l’unità che si acquista potrebbe non funzionare affatto, senza apportare modifiche al BIOS. Anche se utilizzano lo stesso connettore, non tutte le unità M.2 possono supportare la l’interfaccia SATA e la quella PCIe. Quest’ultima è sicuramente più veloce, mentre SATA è compatibile anche con i portatili più vecchi.

Per il nostro Aspire E 15 abbiamo scelto intenzionalmente l’SSD SATA Blue 1TB WD per la sua massima compatibilità. Lo slot M.2 dell’Aspire E 15 supporta sia le unità PCIe che le unità SATA, ma questo portatile ha bisogno di passare da UEFI al supporto BIOS legacy per far funzionare correttamente un SSD connesso via PCIe, quindi abbiamo preferito lavorare facilmente acquistando un SSD M.2 SATA.

Il secondo motivo per cui è consigliabile scegliere un SATA M.2 rispetto all’interfaccia PCIe è il prezzo. Le unità SATA M.2 sono molto più economiche delle unità PCIe, infatti la versione da 1 GB del drive WD Blue che utilizziamo per il test è costata circa 200€, mentre un SSD da 512 GB WD Black M.2 PCIe costa 173€.

Infine, anche se le unità PCIe sono in grado di offrire da 1,5 a 3 volte le prestazioni di un disco SATA, molte persone potrebbero non riuscire a notare la differenza se non sfruttano applicazioni che richiedono elevata capacità in lettura e scrittura su disco.

Come installare un SSD M.2 nel Notebook

Prima di iniziare con l’installazione, è necessario eseguire il backup di tutti i nostri dati su un’unità esterna.

Successivamente, dobbiamo aprire la scocca posteriore del portatile. Sull’Aspire E 15 troviamo uno sportellino di accesso chiuso tramite poche viti.

installare un SSD M.2 nel Notebook
Rimozione della vite di supporto dello slot M.2

Dopo aver svitato le viti troviamo il supporto per SSD M.2 bloccato da un’ulteriore vite, utile per fissare in posizione l’SSD.

L’SSD si inserisce in un’apertura larga circa 3 cm. Notate le tacche sull’unità SSD e la sporgenza corrispondente nello slot. Alcune unità M.2 hanno una singola tacca sul lato destro o sul lato sinistro del modulo, che indica rispettivamente un’unità B o M-key. Quando troviamo due tacche in genere indica che l’unità che possiamo inserire è solo SATA.

Il notebook Acer che stiamo aggiornando ha una singola sporgenza di plastica sulla destra (come vedete nella figura qui in basso), il che significa che possiamo inserire le unità PCIe x4 più veloci e le unità SATA.

installare un SSD M.2 nel Notebook piedini
L’M.2 WD Blue SSD che abbiamo usato ha due tacche, questo indica che è un disco SATA.

Come nel caso della RAM, inserite la memoria M.2 nello slot (di solito con una leggera angolazione in su), quindi inclinatela appiattandola sullo slot. Ora, con un cacciavite, avvitate la vite nel supporto per mantenere l’unità piatta sulla scocca.

Con l’unità installata, si è pronti per ripristinare il backup di Windows o installare nuovamente il sistema operativo.

Come sostituire il disco rigido del portatile con un SSD Standard

Se siete convinti che un SSD è la risposta giusta per aumentare le prestazioni del sistema ma volete un’unità più economica, l’opzione migliore è sostituire L’hard disk con un SSD standard da 2,5 pollici.

Quale SSD dovreste comprare?

Dal momento che sappiamo già che compreremo un disco SATA, la scelta è più semplice. Se vi state chiedendo quale sia il vantaggio tra un SSD SATA M.2 e un SSD SATA da 2,5 pollici, in realtà non troverete grosse differenze.

La maggior parte degli SSD economici utilizza la tecnologia TLC, che può offrire ovunque prestazioni ottime per un utilizzo standard del notebook. Quindi vi consigliamo di leggere la nostra guida all’acquisto di un SSD, scegliendo l’unità che fa al caso vostro. Anche se optate per un SSD mediocre nelle prestazioni, sentirete comunque un netto miglioramento rispetto ad un disco rigido. Questo perché i processi di lettura saranno comunque infinitamente migliori su un SSD mediocre rispetto ad un HDD.

Sull’Aspire E 15 la sostituzione dell’HDD con un SSD è un gioco da ragazzi.

sostituire disco rigido portatile con SSD
Per rimuovere il disco rigido dall’Aspire E 15, afferrate la linguetta di plastica che fissa l’unità e fatela scorrere lontano dal connettore (lato destro)

Tutto quello che dobbiamo fare è aprire lo sportello di accesso posteriore e far scorrere il disco rigido dal lato opposto a quello del connettore. Una volta rimosso dal connettore, sollevare delicatamente l’unità dall’alloggiamento. (Anche in questo caso, le modalità di accesso variano in base al modello del portatile)

Con il disco rigido fuori dal portatile, rimuovete le quattro viti sui lati dell’unità ed estraete l’HDD dal vano di plastica.

Ora inserite l’SSD nel supporto in plastica, fissandolo con le quattro viti e fatelo scorrere nel vano.

Ripristinate il vostro sistema operativo su SSD o installate nuovamente Windows 10.

sostituire disco rigido portatile con SSD viti aggancio
Rimuovere il disco rigido dal contenitore in plastica e posizionare l’SSD.

Sostituire l’unità DVD con un SSD

Abbiamo un’ultima possibilità, un piccolo trucco, che ci permette di aggiornare il portatile con un SSD.

Vediamo infatti come sostituire l’unità ottica con un SSD. Oltre a richiedere un SSD, avrai anche bisogno di un caddy. Abbiamo comprato questo caddy da Amazon per soli 10€. Questo vano in metallo si adatta perfettamente sia a dischi da 7 mm che a 9,5 mm di spessore.

Sostituire unità DVD con un SSD
Un caddy per disco rigido consente di sostituire l’unità ottica con un SSD.

Per installare l’unità nel caddy, è sufficiente inserirla nel vano e farla scorrere sul connettore SATA. Quindi utilizzate le quattro viti e il cacciavite forniti in confezione per montare l’unità.

Per rimuovere il lettore DVD dal laptop basterà capovolgere il portatile e, sul lato dove si trova l’unità ottica, cercate una singola vite vicino al centro dell’unità. Potrebbe esserci un segno per indicare che si tratta della vite che mantiene saldo il lettore al portatile.

rimuovere il lettore DVD dal laptop
In cima trovate l’unità DVD di serie. Dovrete svitare le due viti presenti sulla staffa metallica e spostare la stessa sul Caddy in basso

Usate l’unghia per estrarre l’unità incastrandola tra il corpo del portatile e l’unità ottica.

rimuovere mascherina unità DVD notebook
Rimozione della mascherina in plastica dall’unità DVD e applicarla sul Caddy da inseire sul portatile.

Dopo aver estratto il lettore dovrete smontare due elementi. Il primo è la staffa metallica sul lato posteriore dell’unità ottica. Questa staffa è ciò a cui si collegava la vite rimossa in precedenza. Basta rimuovere due piccole viti e quindi riposizionare la staffa sul caddy acquistato.

La parte più difficile di tutto questo processo è la rimozione della mascherina dall’unità ottica da collocare sull’unità SSD (caddy).

Non è un’operazione obbligatoria, ma rinunciare alla copertura sicuramente rovinerà il design visivo del portatile.Per rimuovere la mascherina, prendete una graffetta o un cacciavite e con attenzione piegate il braccio in plastica dall’interno, per far scorrere fuori un lato della cornice.

Ora basta spostare la mascherina e inserirla sul caddy, successivamente prendete il caddy e fatelo scorrere nell’alloggiamento del lettore all’interno del portatile.