IBM ha svelato oggi una svolta nella progettazione e nel processo dei semiconduttori con lo sviluppo del primo chip al mondo con tecnologia a 2 nanometri (nm) nanosheet. 

La domanda di migliori prestazioni dei chip e di efficienza energetica continua a crescere, soprattutto nell’era del cloud ibrido, dell’intelligenza artificiale e dell’Internet of Things. La nuova tecnologia dei chip da 2 nm di IBM aiuta a far avanzare il settore dei semiconduttori, rispondendo a questa crescente domanda. Si prevede che raggiungerà il 45% in più di prestazioni, o il 75% in meno di consumo energetico, rispetto ai più avanzati chip da 7 nm.

IBM chip da 2 nm

I potenziali vantaggi di questi chip a 2 nm potrebbero includere:

  • Quadruplicare la durata della batteria del telefono cellulare, richiedendo agli utenti di caricare i propri dispositivi solo ogni quattro giorni.
  • Ridurre l’impronta di carbonio dei data center, che rappresentano l’1% del consumo energetico globale. La modifica di tutti i server con processori a 2 nm potrebbe potenzialmente ridurre tale numero in modo significativo.
  • Accelerare drasticamente le funzioni di un laptop, che vanno dall’elaborazione più rapida nelle applicazioni, all’accesso a Internet più veloce.
  • Contribuire al rilevamento di oggetti e ai tempi di reazione più rapidi nei veicoli autonomi come le auto a guida autonoma.

“L’innovazione IBM riflessa in questo nuovo chip da 2 nm è essenziale per l’intero settore dei semiconduttori e IT”, ha affermato Darío Gil, Vicepresidente senior e Direttore della ricerca IBM. “È il prodotto dell’approccio di IBM nell’affrontare sfide tecnologiche difficili e una dimostrazione di come le scoperte possano derivare da investimenti sostenuti e da un approccio collaborativo all’ecosistema di ricerca e sviluppo”.

IBM annuncia chip da 2 nm

50 miliardi di transistor su un chip delle dimensioni di un’unghia
L’aumento del numero di transistor per chip può renderli più piccoli, più veloci, più affidabili e più efficienti. Il design a 2 nm dimostra la scalabilità avanzata dei semiconduttori utilizzando la tecnologia nanosheet di IBM. La sua architettura è una novità assoluta nel settore. Sviluppato meno di quattro anni dopo che IBM ha annunciato la sua pietra miliare nel design a 5 nm, questo ultimo passo avanti consentirà al chip da 2 nm di ospitare fino a 50 miliardi di transistor su un chip delle dimensioni di un’unghia.

Più transistor su un chip significa anche che i progettisti di processori hanno più opzioni per infondere innovazioni a livello di core per migliorare le capacità per carichi di lavoro all’avanguardia come AI e cloud computing, nonché nuovi percorsi per la sicurezza e la crittografia applicate dall’hardware. IBM sta già implementando altri miglioramenti innovativi a livello di core nelle ultime generazioni di hardware IBM, come IBM POWER10 e IBM z15.