Oggi ci immergeremo in profondità con le nuove schede video Nvidia, analizzando la possibilità di effettuare overclock sulla GeForce RTX 2080 Ti e RTX 2080. Vedremo le velocità di clock raggiungibili, le prestazioni e i benchmark.

Per iniziare, utilizzeremo il metodo tradizionale per overcloccare le schede grafiche Nvidia. Vi mostreremo anche come funziona la nuova applicazione Nvidia Scanner che permette di effettuare overclock con un clic. Andremo quindi a confrontare le differenze tra overclock manuale e quello effettuato tramite il tool automatico di Nvidia.

Overclock Nvidia RTX 2080 e RTX 2080 Ti

Le schede che utilizziamo sono la Founders Edition RTX 2080 Ti e Founders Edition RTX 2080. Entrambe arrivano con un “overclockate in fabbrica”​ rispetto ai modelli base, anche se la percentuale di OC è piuttosto bassa, soli 90 MHz sul core e nulla sulla memoria. La prima cosa che faremo è sfruttare quello che potenzialmente è il metodo più semplice per overcloccare le schede RTX: usare il tool Nvidia Scanner. L’overclock con un clic già da tempo è possibile grazie a software di terze parti, ma questa volta Nvidia ha elaborato un framework per farlo direttamente, senza problemi derivanti da produttori terzi.

Overclock Nvidia RTX 2080 e RTX 2080 Ti: Nvidia Scanner

Per utilizzare Nvidia Scanner, è necessario installare le ultime versioni di qualsiasi utility di overclocking. Abbiamo provato EVGA Precision X1 e MSI Afterburner (entrambe in versione beta), con quest’ultima che ci è sembrata più affidabile. Abbiamo avuto alcuni problemi di crash con Precision X1 che presumibilmente verranno risolti, mentre Afterburner sembrava funzionare al meglio.

Dopo aver installato e aperto Afterburner, ciò che ci interessa realmente è l’icona a grafico a barre posta a sinistra del cursore del clock principale (guardate la freccia nell’immagine) in questa fase non è necessario toccare nient’altro. Basta cliccare sull’icona e su OC Scanner, inizierà subito il processo di overclock con un solo clic, che richiederà circa 15 / 20 minuti di attesa.

Overclock Nvidia RTX 2080 RTX 2080 Ti MSI Afterburner

Quello che lo Scanner si appresta ad eseguire è fondamentalmente una serie di test della velocità di clock ad una serie di voltaggi diversi, per trovare l’esatta curva di frequenza/tensione ideale per la scheda grafica. Tramite un proprio algoritmo, di test non provocherà eventuali blocchi o arresti anomali. In pratica, questo strumento simula ciò che accade facendo un overclock manuale, ma il tutto molto più facilitato e veloce.

Overclock Nvidia RTX 2080 RTX 2080 Ti Afterburner

Non preoccupatevi se l’applicazione si blocca o lo schermo diventa temporaneamente nero durante il processo, è normale. Al termine del processo ci verrà indicata una curva di frequenza completa. Per l’RTX 2080 Ti in media abbiamo raggiunto +181 MHz, con RTX 2080 abbiamo raggiunto una media di +113 MHz.

A questo punto, raccomandiamo di tornare alla home di Afterburner e aumentare al massimo i limiti di potenza e temperatura. Ciò consentirà all’algoritmo di Nvidia di spingere più in alto possibile la curva di frequenza che abbiamo già impostato.

Overclock Nvidia RTX 2080 RTX 2080 Ti curva frequenza

Un fattore da tenere in considerazione è il fatto che abbiamo impostato il limite di potenza e temperatura dopo aver eseguito Nvidia Scanner. Nvidia afferma che lo scanner modifica solo la frequenza principale, quindi se si modificano i limiti di alimentazione e temperatura prima dell’analisi, lo scanner potrebbe rilevare dati troppo elevati. Consigliamo quindi di regolare il limite di potenza e temperatura dopo aver completato lo Scanner.

L’altra ovvia limitazione data dall’Nvidia Scanner è la mancanza di guadagni sulla memoria, l’app gestisce solo il core della GPU e non tocca la memoria. Quindi, se state cercando una semplice soluzione di overclock, perderete tutti i vantaggi che si ottengono aumentando la frequenze delle memorie. L’overclock sul core è molto più importante per ottenere miglioramenti sulle prestazioni, ma una spinta alla memoria può aiutare in alcune situazioni.

Overclock Nvidia RTX 2080 e RTX 2080 Ti: Manuale

Overclock Nvidia RTX 2080 e RTX 2080 Ti manuale

Ora vediamo come eseguire un overclock manuale, successivamente compareremo l’overclock manuale con i risultati dello Scanner.

Per l’overclock manuale utilizziamo EVGA Precision X1 per la sua interfaccia molto più intuitiva. Aumentiamo al massimo il limite di potenza e il limite di temperatura (spostatevi nel terzo menu: Target). Nella sezione inferiore Temp Tuner andremo a regolare la curva in modo da ottenere la massima velocità di clock in base alle temperature. La nostra scheda di riferimento non ha avuto grossi problemi visto che non abbiamo raggiunto temperature alte, ma se superate gli 84°C, consigliamo di regolare la curva per ottenere il massimo delle prestazioni.

Ora dobbiamo regolare i due cursori principali per la memoria e la frequenza del core. I passaggi base da effettuare sono:

  • Aumentare ogni valore in maniera ragionevole
  • Applicare l’overclock
  • Verificare con 3DMark per assicurarci che non ci siano crash

Overclock Nvidia RTX 2080 e RTX 2080 Ti EVGA Precision X1

Il valore da inserire è a vostra discrezione, ma ricordate che non danneggerete la scheda scegliendo un valore troppo alto; semplicemente il PC si spegnerà, dovendo ritoccare nuovamente i dati inseriti.

Quindi per RTX 2080 Ti abbiamo iniziato con valore che comprende +150 MHz sul core e +500 sulla memoria, queste sono cifre abbastanza conservative per la scheda. Dopo aver testato il tutto su 3DMark, abbiamo spinto il core fino a +200 e la memoria fino a +650. Se volete testare in modo più sicuro, consigliamo di modificare solo uno di questi valori per provare. Con +200 sul core, la nostra 2080 Ti non ha superato il test in 3DMark. Abbiamo quindi decrementato di 10 MHz, scoprendo infine che +170 andava perfettamente bene. Da qui possiamo provare ad aumentare ulteriormente la memoria usando un processo simile, per il nostro modello siamo arrivati su un valore di +700. L’overclock definitivo per questa scheda è di: +170 MHz sul core e +700 MHz sulla memoria.

La RTX 2080 ha un clock di fabbrica leggermente superiore rispetto alla 2080 Ti, quindi abbiamo iniziato con +100 MHz sul core ed effettuato i test. Alla fine abbiamo optato per +110 MHz sul core e +700 MHz sulla memoria. Una volta che trovate i valori stabili, è sempre una buona idea convalidarli ulteriormente eseguendo un gioco per diverse ore. Anche se Time Spy di 3DMark fornisce una buona indicazione sul fatto che la scheda funzionerà ad una certa frequenza, a volte può verificarsi un blocco con un test più lungo.

Risultati delle prestazioni

Diamo un’occhiata a come l’overclocking ha migliorato le prestazioni della 2080 Ti e della 2080, iniziando con un confronto tra l’Nvidia scanner e il nostro overclock manuale.

RTX 2080 Ti benchmark Overclock shadow of the tomb raider
Overclock Nvidia RTX 2080 Ti: Shadow Of The Tomb Raider

Per la 2080 Ti, lo scanner ha fornito un miglioramento delle prestazioni del 7% rispetto alle frequenze base, mentre il nostro overclock manuale ha prodotto un miglioramento del 12%. Tuttavia, ricordiamo che l’app Scanner non ha overclockato la memoria; per coloro che cercano una procedura di overclock veloce, un semplice trucco potrebbe essere quello di overcloccare la memoria in modo conservativo per non incorrere in blocchi, qualcosa come +600 MHz dovrebbe andar bene.

Questo cambia i risultati e rende l’overclock tramite Scanner + Memoria dell’11% più veloce rispetto alle frequenze base, ma anche in questo caso l’overclock manuale fornisce un risultato leggermente migliore.

RTX 2080 benchmark Overclock shadow of the tomb raider
Overclock Nvidia RTX 2080: Shadow Of The Tomb Raider

Per la RTX 2080, troviamo delle similitudini. Lo scanner ci ha dato un miglioramento delle prestazioni del 4% rispetto alle frequenze base, mentre il nostro overclock manuale ha aumentato le prestazioni dell’8%. Usando l’overclock tramite scanner, ma aumentando anche la memoria, otteniamo il 7% in più di prestazioni rispetto alle frequenze della FE.

Abbiamo dimostrato che il nostro overclock manuale è leggermente superiore ai risultati con lo scanner OC, ora diamo un’occhiata ad alcuni giochi per vedere come l’overclock si confronta con le prestazioni stock e Founders Edition.

RTX 2080 benchmark Overclock Far Cry 5

Dei tre giochi esaminati, dalla 2080 Ti abbiamo ottenuto un miglioramento delle prestazioni del 14% rispetto alle frequenze di serie e il 10% rispetto alla Founders Edition. Per l’RTX 2080 i margini sono un po’ ristretti: 11% su frequenze di serie e 9% su Founders Edition.

Le temperature (di entrambe le schede video) aumentano da 76°C sotto carico con le frequenze Founders Edition, a 81°C se overcloccate. Questo risultato è di poco inferiore al limite di temperatura nativo delle periferiche (84°C prima di andare in thermal throttling), quindi è abbastanza chiaro che non avremo limiti prestazionali dovuti alle temperature.