Come aumentare la nostra privacy su Windows 10Tra le tante funzioni introdotte in Windows 10 dopo il Fall Creator Update, Microsoft ha deciso di aumentare la raccolta di informazioni sulle abitudini degli utenti che utilizzano il suo software. Questa strategia permette al colosso di Redmond di migliorare l’esperienza di utilizzo dell’OS, eliminando eventuali problemi rilevati.

Uno degli esempi più lampanti di questo sistema di monitoraggio è Cortana, l’assistente virtuale presente sin dalle prime distribuzioni di Windows 10. A seconda delle ricerche che svolgiamo sul web e all’interno del sistema operativo, Cortana può suggerirci e velocizzare le sue risposte ai nostri quesiti.

I principali servizi che si occupano di monitorare la nostra attività sul sistema, sono presenti nella sezione Privacy di Windows (Start->Impostazione->Privacy). Qui possiamo disabilitare i servizi più importanti, come per ad esempio Cortana o la segnalazione della nostra posizione, ma non tutti i servizi di monitoraggio sono presenti nella sezione Privacy.

Come sicuramente avete notato aprendo il menu Start, Microsoft ha deciso di inserire dei piccoli banner pubblicitari per consigliarci alcune applicazioni da scaricare dal Microsoft Store. Questa è una delle impostazione che l’utente non può disabilitare manualmente dalla sezione Privacy di Windows.

Fortunatamente possiamo utilizzare software di terze parti che riescono ad aggirare il problema, tramite strumenti molto semplici, possiamo disattivare tutte le opzioni di monitoraggio di Windows, aumentando la nostra privacy su Windows 10.

Per bloccare i servizi di raccolta dati di Windows 10, consiglio l’installazione di Shut Up 10, ottima utility completamente gratuita e disponibile in italiano.

privacy su Windows 10 Shut Up 10

Shut Up 10 non richiede alcuna installazione, il programma dopo l’apertura vi presenterà una schermata che mostra tutti i servizi presenti nel vostro PC. Le varie impostazioni possono essere attivate o disattivate agendo singolarmente o selezionandole tutte.

Le opzioni si concentrano nei seguenti macro gruppi:

  • Privacy: tra cui la pubblicità.
  • La privacy delle app: accesso alle informazioni utente ed il tracciamento delle app usate.
  • Sicurezza, opzioni per la Telemetria da disattivare e le opzioni del filtro Smartscreen, da non disattivare.
  • Microsoft Edge.
  • Sincronizzazione delle impostazioni di Windows (utili se si utilizzano più PC Windows 10).
  • Cortana
  • Servizi di Localizzazione e identificazione del sistema.
  • Servizi di tracciamento del comportamento dell’utente.
  • Windows Update
  • Windows Explorer
  • Windows Defender (da non disattivare)
  • Schermata si blocco
  • Altre opzioni tra cui i Feedback, Bing e l’installazione di app raccomandate da Microsoft.

Come accennato possiamo decidere di disabilitare singolarmente ogni servizio, ma attraverso il menu Azione, possiamo scegliere di “applicare tutte le impostazioni consigliate”.

Terminate le modifiche chiudiamo Shut Up 10, il software creerà un punto di ripristino di Windows, ora dovete semplicemente riavviare il PC per applicare i cambiamenti. Se volete tornare alle impostazioni predefinite, basterà cliccare sul menu Azione per trovare l’opzione che permette di annullare quanto modificato.